sabato 24 settembre 2016

Bolzano, condannato per pedofilia torna a guidare lo scuolabus: scoppia la protesta dei genitori

Il giudice gli aveva comminato 3 anni e 4 mesi, ma la decisione non comporta la perdita del lavoro. Le mamme: "Una vergogna" La condanna è 3 anni e 4 mesi per aver molestato delle ragazzine, ma la decisione del giudice altoatesino Emilio Schönsberg non comporta, secondo la legge, l'allontanamento automatico dal lavoro. Così, un uomo residente in provincia di Bolzano, ha potuto tornare a svolgere l'incarico precedente, che era stato occasione per commettere il suo crimine: l'autista di scuolabus. Grande l'indignazione dei genitori delle vittime."La cosa che fa più male è vederlo di nuovo alla guida dello scuolabus, a stretto contatto con delle ragazzine che hanno l’età delle nostre figlie quando ha cominciato a molestarle, segnando probabilmente per sempre la loro vita". Così la mamme di una delle tre vittime, a cui l'autista 50enne aveva mandato circa 4000 messaggi, di cui molti a contenuto pornografico Ma Andrea Grecchi, avvocato del presunto pedofilo, precisa: "Attualmente il mio assistito ha solo l’obbligo di firma. Per il resto è libero di tornare a lavorare, nessuno gliel’ha vietato. E comunque la condanna non è definitiva: stiamo attendendo il deposito delle motivazioni per impugnare la sentenza". fonte tgcom